GFO Europe e Tellabs: una partnership per la rivoluzione dei cablaggi strutturati

 Home / News / GFO Europe e Tellabs: una partnership per la rivoluzione dei cablaggi strutturati

25/02/2017

"Con il Passive Optical Lan siamo finalmente alle soglie di una nuova rivoluzione sulle infrastrutture di rete dai tempi dell’introduzione del cablaggio strutturato" – dichiara Luciano Bertinetti, Direttore Commerciale di GFO Europe – "e chi se non GFO, il cui acronimo sta per Gruppo Fibre Ottiche, poteva promuoverlo. La distribuzione di CommScope prima e di Tellabs per la parte apparati, ci porta ad avere una soluzione completa, tutta made in USA, di alta gamma".
Il Passive Optical Lan (POL), è una soluzione in fibra ottica end to end, alternativa alle tradizionali infrastrutture di rete in Rame o miste, finora utilizzate. 
La sua applicazione più conosciuta è quella della connessione residenziale FTTH, utilizzata da tutte le Telco del mondo.
L'evoluzione da Gpon in POL consiste nell’ingresso all'interno delle aziende sostituendo la LAN tradizionale. 
Il POL è un sistema di trasmissione dei dati L2 molto interessante perché semplifica drasticamente l'infrastruttura di rete garantendo performance di altissimo livello. Il POL è costituito da cavi in FO single mode e splitter ottici passivi che determinano la distribuzione del segnale dai server fino ai client. L'utilizzo della fibra ottica garantisce solidità, sicurezza elevata con costi limitati. L'utilizzo di cavi in FO single mode permette di raggiungere distanze fino a 20 Km che sarebbero impensabili utilizzando il rame o la fibra multimodale. Gli splitter passivi permettono la distribuzione del segnale a lunghe distanze senza perdita di throughput e senza rischi di rottura o malfunzionamenti perché non hanno elettronica al loro interno. 
Tutta l'intelligenza risiede nell’OLT, il cuore del sistema, gestendo e pianificando la distribuzione di dati a oltre 10000 client, ne controlla le credenziali ed inibisce l'accesso a tutti i non autorizzati. Lato client vi sono degli apparati plug and play che eseguono la conversione da FO a rame per permettere il collegamento dei dispositivi remoti e gestiti dal OLT automaticamente, senza errori umani e problemi di collisione tipici delle reti a più livelli.


Benefici di una infrastruttura GPON/OLS
Il primo beneficio è il risparmio di spazio, tangibile sotto diversi punti di vista:
La fibra Single-Mode è più piccola, più leggera, più forte, con miglior raggio di curvatura, ha più alta capacità, distanze più lunghe, non soggetta ad interferenze, una vita più lunga, ed è meno cara.

 
Oltre a risparmiare spazio nelle canaline, tempo/costi d'installazione dei cavi in rame, con la fibra ottica non ci sono interferenze elettromagnetiche e può correre nei percorsi assegnati ai cavi elettrici.
Altro risparmio importante del POL è la riduzione/eliminazione degli armadi di distribuzione presenti nella rete, sostituendoli con splitter ottici passivi a basso consumo (riduzione di consumi elettrici e costi di condizionamento).
 
Eliminazione totale dei costi di manutenzione: Gli splitter sono elementi passivi e difficilmente si guastano, ma nel caso la loro sostituzione avviene in pochi minuti e senza bisogno di un intervento sistemistico di configurazione dei nuovi apparati. Per quanto riguarda gli ONT sono plug & play e vengono autoconfigurati dall'unità centrale senza bisogno d'intervento.
 

Altri due benefici molto importanti della nostra infrastruttura sono la sicurezza sia passiva che attiva e l'alta affidabilità entrambe sono state certificate dai settori militari e governativi americani.
L'obiettivo è di aumentare le politiche di sicurezza della LAN gestita centralmente, aumentando la stabilità della rete
  • Gestione Centralizzata e Sicura degli Utenti
  • Meccanismi di autenticazione e di accesso sicuri
  • Distribuzione sicura dei servizi e delle applicazioni
  • Maggiore Sicurezza contro gli Attacchi
Tellabs segnala qualsiasi tentativo di connessione, disconnessione sia della parte in Fibra che di quelli in rame. Inoltre il sistema segnala anche l’eventuale movimento dei cavi in fibra ottica cosicché nessun utente possa fare qualcosa che non è stato previsto ed autorizzato.